Amilga Quasino - Le bianche trecce - POESIA

Vai ai contenuti

Menu principale:

Amilga Quasino - Le bianche trecce

Freschi di stampa
AMILGA QUASINO
Le bianche trecce
Golden Press - Euro 8,00


La raccolta di poesie inedite dal titolo Le bianche trecce di Amilga Quasino ha vinto la XXIIa edizione del Premio “L’Incontro” – Sez. B, con la seguente motivazione:

“La felice inventiva che percorre ogni segmento della silloge investe sia l'originalità degli squarci contenutistici che l'espressività caratterizzata da fiera e divertita manipolazione lessicale, con meticolosa attenzione alla resa musicale degli accosti, dei cozzi, delle impennate fonosimboliche e metrico-ritmiche. Non manca e non guasta - di questi tempi, poi - lo sberleffo ironico, adagiato in sorridente e sciolta perfidia, rivolto alle manie del presente, sempre più evaporato nella sacrosanta e pesantissima frivolezza di una seriosità fatta di nulla.”

Amilga Quasino, poesista.
Cresce e vive nella Milano degli anni '70, '80 e '90. Nel 2000 sfrega la lampada di internet e ne esce fuori il genio poetico.
Poi incontra la musica e impara a vocabolizzare. Dal 2009 è parte del Laboratorio di improvvisazione “Forme sonore” del M.o Roberto Dani.
Pubblicazioni: Marine dal Simius e dintorni, Firenze, ed. L'Autore, 2000; Algebra, Collana Samiszdat, Gruppo Editoriale L'Espresso, 2009.


Abbiamo molta rabbia dentro che ci accompagna fin dalla nascita e che cerchiamo di scaricare sugli altri.
Altre volte invece ci auto-boicottiamo bevendo, fumando, mangiandoci parti piccole di noi nel tentativo di auto-regolarci.
A volte prendiamo di mira esseri che ci rappresentano la bruttezza che non vogliamo vedere dentro di noi.
Accendiamo fuochi per bruciare il male di ventre.
Mettiamo al rogo non solo pupazzi.
Pronti a lapidare un capro per assolverci e sentirci re per un lungo istante di morte.
Se questo è un uomo c’è bisogno di inventare un Super-io migliore.

Torna ai contenuti | Torna al menu