Poesia di David Fini - POESIA

Vai ai contenuti

Menu principale:

Poesia di David Fini

Premio "L'Incontro"


Poesia vincitrice della IXa Edizione del Premio Editoriale "L'Incontro" - SEZIONE A - Anno 2004



IMPARARE
di David Fini


C'è molto da imparare  
dal tizio che aspetta alla fermata dell'autobus  
e dalla sua sigaretta che non aspetta  
e si consuma.  
C'è abbastanza da imparare dalle briciole su questo bancone del bar:  
ci sarebbe molto di più da imparare  
da quelle che hai tu al lati della bocca  
che tra poco pulirai.  
Ma in fondo sono briciole.  
C'è molto da imparare dai libri,  
dalla radio accesa,  
dai quadri appesi ai muri.  
Anche dal muri spesso.  
Qualcosa anche dal vapore che si attacca al vetri delle auto.  
La polvere a volte porta parole di saggezza.  
Anche dalla caffettiera che borbotta impara.  
Impara dal caffè quando ti scotta la lingua.  
In tutte queste cose e in molte altre ancora c'è da imparare.  
Ma devi sentirti come quando si aspetta l'autobus  
e mentre aspetti sentirti consumare.  
Devi sentirti da buttare,  
qualcosa da pulire via in fretta.  
Da buttare ma solo dopo essere stato assaggiato, accettato,  
divorato per saziare fino in fondo.  
E se resta qualcosa di te  
che resti la parte peggiore.  
Non imparerai molto se non senti la tua anima  
come qualcosa da sfogliare,  
Qualcosa che riempie il silenzio di una stanza e di  
qualcuno da ascoltare.  
Imparerai poco se non ti senti appeso, inchiodato,  
attaccato, come si attacca ad un vetro freddo il calore di un amore.  
Fatti portare dal vento.  
Fatti scaldare da un fuoco  
e bruciabruciabrucia  
anche solo la punta di una lingua.

La proprietà Letteraria dei testi pubblicati appartiene all'Autore - La riproduzione è vietata

Torna ai contenuti | Torna al menu