Poeti e Novellieri Contemporanei - Edizione 2018 - POESIA

Vai ai contenuti

Menu principale:

Poeti e Novellieri Contemporanei - Edizione 2018

Freschi di stampa
POETI E NOVELLIERI CONTEMPORANEI
Edizione 2018
Golden Press - Euro 20,00

L’antologia che l’Editore dà alle stampe quest’anno può contare su un livello qualitativo molto alto, sia nella struttura poetica dei versi, sia nella profondità dei temi trattati. Anche la presenza di narrazioni in prosa fa registrare un notevole aumento espressivo, potendo puntare sulle prove fortemente comunicative e architettonicamente curate degli autori che si presentano con novelle sempre più artisticamente mature e godibili.
Forse, vien da dire, l’imbarbarimento della lingua, veicolato da “prove” di espressività verbale piuttosto discutibili che si possono incontrare quotidianamente sui social, non sembra ancora aver intaccato alla radice la feconda pianta letteraria. Grazie al Cielo possiamo ugualmente leggere, con lo studio e la lentezza che meritano e in onta ai “mali tempi” linguistici che ci si agitano attorno, versi adamantini, curati e intriganti, melodiosi e vigorosi, che sanno tuttavia intridere, scavare dentro, offrire grandi spunti di curiosità a chi legge.
Il cuore dei poeti è duro a morire, per fortuna. E cresce sempre. E se sui social è bandita ogni forma di lungaggine, così come di approfondimento e robustezza intellettuale, sulle sempre più rare pagine in cui riusciamo ad imbatterci, come queste che seguono, troviamo inatteso ristoro, oasi verdeggiante e fertile, quasi un mondo a parte ma che, invece, parla proprio, e sempre, del mondo che abbiamo di fronte e che ci è stato dato in sorte di vivere, in cui muoviamo i nostri passi e agiamo le nostre emozioni.
Guai a quell’umanità che compatta le emozioni, le cataloga in pochissime categorie, le studia a livello scientifico come geni o particelle per poi rimandarci il messaggio conclusivo che tutto ciò che non rientra nelle poche, deboli e spesso infime, categorie riconosciute e uniformemente accettate, sia da scartare, da non considerare, da abbattere.
Certo, a parole tutti sono pronti a dirci che non è vero, che le emozioni fornite dai poeti hanno sempre il loro valore e che, anzi, con l’avvento dei social possono circolare più fortemente e più liberamente. Lo sappiamo tutti, purtroppo, che non è così.
L’ipertrofia della comunicazione che, teoricamente, punterebbe al tutto, equivale invece al suo esatto contrario. Dalla ricetta di cucina al commento sul più stupido (e vai a trovare, quale sarà... !) dei format televisivi con gare di sopravvivenza e di canto e di ballo, o litigate eterne, vergognose ed inconcludenti  ̶  finte o vere che siano poco ci importa  ̶  ogni aspetto della comunicazione viene centrifugato e restituito nella sua forma “pulita” di inutilità rispetto al pensiero e alla rielaborazione critica, poetica o narrativa che sia.
Il libro letterario, aggrappato alla roccia e con il baratro profondo sotto i propri piedi, è pur sempre un elemento di salvezza. Ed è per questo che, come consuetudine, ringraziamo ancora una volta gli autori che vi sono presenti per averci consentito, con il loro ricco e preziosissimo dono della mente, dello spirito e della parola, di farlo esistere.

Alessandro Mancuso
Torna ai contenuti | Torna al menu